24 Mag, 2018 @ 11:42

Proprio a metá strada tra Sligo e Manorhamilton, la cittá in cui vivo, si possono ammirare le suggestive cascate di Glencar, un luogo magico.

Si trovano nella contea di Leitrim, vicino all’omonimo lago, dalla strada principale é possibile vedere a circa un chilometro ad ovest, un’altra cascata meno conosciuta, chiamata camino del diavolo, ma non é spettacolare come l’altra.

Anche se non é la cascata più grande d’Irlanda, è una delle più belle.

Cosa vedere in Irlanda

La waterfall è alta 15 metri ed é  particolarmente impressionante dopo una pioggia abbondante.

Nei giorni in cui c’è anche una leggera brezza, l’acqua che cade viene soffiata verso l’alto formando una nuvola di vapore, infatti il suo nome originale in irlandese é Sruth in Agaidh an Aird, che significa il flusso contro l’aria.

Giunti sul posto si puó lasciare l’auto nell’ampio parcheggio ed ammirare uno splendido scenario lungo i piedi del Benbulben e le sponde del Glencar Lough, è un lago d’acqua dolce dove la qualità dell’acqua è stata considerata eccellente.

Cosa vedere in Irlanda

Tra il parcheggio e il lago vi é un  prato in cui pascolano diverse pecore.

La cascata è a pochi passi dal parcheggio.

Il suono dell’acqua che scorre entra nelle orecchie, mentre attraversi la strada ed entri nel piccolo parco che le ospita.

Le cascate sono bellissime e non importa quante ne abbia visto in vita tua, il salto dell’acqua incanta sempre.

W.B. Yeats frequentava spesso la cascata nella sua giovinezza ed é stata per lui fonte d’ispirazione. ha impregnato un paesaggio visivamente bello con uno spirito di magia, meraviglia e mistero.

La cascata di Glencar é stata menziona nella sua poesia “The Stolen Child“, in cui ha scritto sul folklore irlandese associato a fate e cambiamenti.

Cosa vedere in Irlanda

Questa é la poesia di Yeats tradotta in italiano:

“Dove l’acqua scorrente sgorga

Dalle colline sopra Glen-Car,

In piscine tra i rushes

Quella scarsa potrebbe bagnare una stella,

Cerchiamo per la trota sonno

Sussurro nelle loro orecchie

Dare loro sogni inquieti;

Appoggiandosi dolcemente

Da felci che lasciano le lacrime

Sui giovani corsi d’acqua

Vieni via, o figlio umano!

Alle acque e al selvaggio

Con una fiaba, mano nella mano,

Perché il mondo è più pieno di piangere di quanto si possa capire”.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram!

SEGUI LA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK DEDICATA AL TURISMO IN IRLANDA, CLICCA QUI!
Tags: , , , , ,

Related Article

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Centro privacy IMPOSTAZIONI DELLA PRIVACY