19 Lug, 2018 @ 23:23

Durante i primi anni della Grande carestia, il famoso politico irlandese Daniel O’Connell guidò le proteste chiedendo maggiori aiuti per l’Irlanda.

Daniel O'Connell

Daniel O’Connell

Tuttavia, nel febbraio del 1847, mentre l’isola affrontava uno dei peggiori anni della Grande Fame, la salute di O’Connell stava peggiorando.

L’uomo noto ai contemporanei come Liberatore per il suo ruolo nell’emancipazione cattolica stava morendo.

Anche se era un uomo ricco, la carestia stava prendendo il sopravvento su O’Connell.

Ha detto ad un amico all’inizio di febbraio: “Sento che sono quasi andato, le mie forze mi hanno abbandonato. La mia voce è quasi muta. Sono oppresso dal dolore “.

Tuttavia, il 71enne O’Connell si è recato a Londra per fare un’ultima disperata richiesta per salvare il popolo irlandese.

L’8 febbraio O’Connell si è presentato per l’ultima volta davanti alla Camera dei Comuni londinese e riferendosi all’Irlanda ha dichiarato: “Lei è nelle tue mani, nel tuo potere. Se non la salvi, non può salvarsi. Un quarto della sua popolazione morirà a meno che il Parlamento non venga in aiuto”.

Blog Irlanda

Il governo britannico aprì le mense nel 1847 questo alleviò la fame, ma furono chiuse di nuovo dopo pochi mesi nel settembre dello stesso anno.
O’Connell stesso lasciò l’Inghilterra nel marzo 1847, imbarcandosi per un pellegrinaggio a Roma, tuttavia, raggiungendo il porto italiano di Genova a maggio morí.

In linea con le sue istruzioni, il cuore di O’Connell è stato portato a Roma mentre il suo corpo è stato restituito all’Irlanda per la sepoltura, secondo alcuni rapporti, all’inizio di agosto 50.000 persone hanno partecipato ai suoi funerali a Dublino.

È sepolto nel cimitero di Glasnevin in città.

L’anno 1847 è noto nella storia irlandese come Black ’47, fu l’anno peggiore della grande carestia irlandese, mentre il popolo combatteva la fame, la malattia e gli sfratti crescenti, le 130 case di lavoro dell’isola divennero l’ultimo rifugio per molti.


WEEKEND IN IRLANDA GIUGNO DAL 22 AL 25 GIUGNO 2018 – SCOPRI IL PROGRAMMA


Le case di lavoro erano squallide istituzioni che offrivano le più magre razioni agli indigenti e nel dicembre del 1847 erano sovraffollate.

I peggiori centri di lavoro si trovavano nell’Irlanda occidentale, dove le comunità erano troppo povere per finanziare il loro mantenimento.

Non sorprende che, quando il 1847 si concluse e il Natale si avvicinò, i detenuti delle case di lavoro avevano ben poco da aspettarsi.

A Clifden, nell’estremo ovest della contea di Galway ai margini del Connemara, il giorno di Natale del 1847 era solo un altro giorno di sofferenza, malattia e morte.

Questo resoconto del testimone oculare, scritto da John Deane, ispettore della Legge per la Difesa dei poveri, parla da solo.

I detenuti della casa sono ammassati in una stanza da giorni respirando un’aria contaminata. C’è una fornitura insufficiente di biancheria per il letto e di vestiti. La pioggia si riversa attraverso le torrette di ventilazione nelle stanze e i poveri sono quindi soggetti a un maggiore rischio di infezione.

Alcuni giorni fa, visitando la casa, ero disgustato dall’apprendere che i dormitori (in particolare quelli per i bambini) non sono dotati di secchi notturni [usati come servizi igienici]. Mi permetto di descrivere le abominazioni conseguenti a questo.

Mi dispiace affermare che il fratello del dottor Bodkin, che lo ha accompagnato all’ospedale da lavoro per circa una settimana, al fine di aiutarlo nelle sue mansioni mediche, è morto oggi per una maligna febbre tifoide.

Nell’ultima settimana il tempo è stato più inclemente e ha portato con sé un grande aumento di malattie e miseria“.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram!

VUOI VENIRE A VISITARE L’IRLANDA CON NOI? CLICCA QUI!
Tags: , ,

Related Article

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Centro privacy IMPOSTAZIONI DELLA PRIVACY