19 Lug, 2018 @ 6:04

A Dublino, il governo di Elizabeth ha lanciato terribili avvertimenti su come trattare gli spagnoli, insieme a tutti gli irlandesi che hanno tentato di aiutarli, li avrebbe condannati a morte immediata.

L’armada spagnola di Filippo non ha avuto successo, fin da subito la flotta é stata assediata dalla sfortuna, le condizioni climatiche avverse ostacolavano il progresso e l’ufficiale di comando dell’intera flotta, Sidonia, sebbene fosse un generale eccezionale, non era mai stato in mare prima.

Un altro possibile contributo al fallimento spagnolo è che le navi inglesi erano migliori, quando alcune navi della flotta spagnola furono distrutte al largo delle coste irlandesi, le provviste erano basse e l’equipaggio era debole per la malattia, la malnutrizione e l’esaurimento.

Nella contea di Sligo, tre navi della flotta affondarono al largo della costa in una tempesta insidiosa il 25 settembre 1588, una scoperta ha confermato la loro esistenza.

I resti di queste navi sono rimasti indisturbati sui fondali di una piccola spiaggia al largo della costa di Sligo per oltre 400 anni.

L’ultimo luogo di riposo dei relitti delle navi La Lavia, La Juliana e Santa Maria de Vision che facevano parte della grande flotta di Filippo II di Spagna si trova in fondo al mare a Streedagh Strand, vicino al villaggio di Grange nella contea di Sligo sul costa nord-occidentale dell’Irlanda.

In una scoperta storica, nel maggio 1985 i membri di Streedagh Armada rilevarono i relitti, la ricerca fu guidata da Steven Birch, il quale, con il suo team di sommozzatori inglesi, fece scoperte rivoluzionarie su ciò che rimane delle navi a Streedagh.

Streedagh

Sebbene il fatto fosse noto a livello locale sin dai tempi dei naufragi, questa fu la prima ricerca che verificò l’esistenza delle navi Armada in questa zona, il dottor Colin Martin, storico dell’Armada e archeologo subacqueo specializzato, ha registrato i siti, a causa della natura esposta della loro posizione, tre cannoni sono stati rimossi per la conservazione e successivamente recuperati dall’Ufficio dei lavori pubblici per ragioni di sicurezza, ora sono tenuti nel museo Collins Barracks di Dublino dove sono esposti al pubblico.

Una lettera scritta da De Cúellar ci fornisce la prova di ciò che accadde ed è un importante documento sociale e storico che elenca eventi orribili a cui assistette mentre viaggiava attraverso le aree del nord di Sligo, Leitrim e sulla costa Causeway a nord di Antrim.

Le tre navi si erano staccate dal loro squadrone e andarono alla deriva lungo la costa di Streedagh, il vento verso occidente ululava e le imbarcazioni furono colpite dalla tempesta dell’Atlantico e sollevate dalle onde martellanti.

Dal momento che la questione della proprietà dei relitti è stata oggetto di controversie e complicate questioni legali è stato finalmente accertato che la proprietà dei relitti doveva essere designata allo Stato irlandese che ora funge da protettore per questi siti.

C’è anche un altro aspetto importante degli eventi di Streedagh nel 1588, uno degli spagnoli a bordo di La Lavia, che sfuggì al successivo massacro a terra, visse per raccontare la storia, delineando ciò che accadeva in una lettera.


COSTA ON STAGE


La cronaca degli eventi di Francisco de Cúellar, originario di Castiglia-Y-León in Spagna, che si unì alla flotta come capitano del galeone San Pedro che faceva parte dello squadrone di Castiglia (perse il suo grado e fu trasferito a La Lavia per aver disobbedito agli ordini).

Lì andò alla deriva, rotolando in direzioni diverse con le onde fino a che non andò a riva.

Si stima che dalla tre navi circa 1800 uomini siano annegati e il resto sia arrivato a riva a Streedagh, dove l’esercito inglese di George Bingham ha ucciso 140 spagnoli.

Tuttavia, ancor prima che arrivassero le forze inglesi, gli spagnoli sopravvissuti dovettero affrontare gli indigeni irlandesi che si riunirono in Streedagh scarsamente popolato, spiaggia ora piena di cadaveri, relitti e feriti.

Diversi irlandesi hanno attaccato gli spagnoli prendendo loro soldi, vestiti, gioielli e tutto ciò che poteva essere recuperato dalle navi.

Fuggito, De Cúellar registra il suo epico viaggio, trovò rifugio dai capi amichevoli O’Rourke e McClancy nell’allora contea inglese di North Sligo / Leitrim, De Cúellar fu testimone di molta crudeltà, arrivando alla vicina Abbazia di Staid, trovò dodici spagnoli appesi all’interno della chiesa un atto degli inglesi.

Più tardi, dopo essere stato costretto a lavorare come fabbro nella valle del Glenell De Cúellar, si reca al castello di McClancy a Rossclogher, Lough Melvin, nella contea di Leitrim e trascorre le sue giornate a raccontare alle donne le sue avventure.

Dopo aver difeso il castello di McClancy dalle forze inglesi a De Cúellar è stato offerto, come segno di gratitudine, la mano della sorella di McClancy, ma De Cúellar scivolò via silenziosamente e riprese il suo viaggio verso casa.

Successivamente, Brian O’Rourke e McClancy che avevano aiutato De Cúellar furono entrambi giustiziati dalla corona inglese.

I tragici eventi del settembre 1588 vengono commemorati ogni settembre a Grange, nella contea di Sligo, dall’associazione di sviluppo Grange Armada per rendere omaggio a tutti coloro che sono morti.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram!

VUOI VENIRE A VISITARE L’IRLANDA CON NOI? CLICCA QUI!
Tags: , , , ,

Related Article

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Centro privacy IMPOSTAZIONI DELLA PRIVACY