Irlanda del Mistero – Parte 11

Set 12, 2018 | Misteri

Questa volta non parliamo di castelli infestati dai fantasmi ma di un cappotto fatato.

Molte persone deridono l’idea stessa della fata e la ritengono una superstiziose di un’epoca remota, ma in Irlanda ci sono ancora persone che pensano che la “Buona gente” e il loro genere siano più che semplici leggende e occasionalmente facciano comparire degli oggetti innaturali per sostenere la loro fede in “The Fairy Faith”.

Nel 1969 il genealogista e storico Rosemary Ffolliott scriveva di uno di questi intriganti artefatti nel Volume 1, Numero 1 numero della rivista, The Irish Ancestor.

Una mattina d’estate del 1868, quando aveva diciotto anni, il nonno della signorina Ffolliott, John Abraham Ffolliott, stava attraversando un campo a Loyd, alla periferia di Kells, nella contea di Meath, quando incontrò un anello fatato di erba rigogliosa.

irlanda del mistero

Appena oltre l’anello, vide un pezzo di stoffa spuntare da sotto una pietra, curioso, rimosse la pietra e trovò nascosto sotto di essa un cappotto in miniatura che si suppose appartenesse ad una fata e che doveva averlo messo lì per custodirlo prima di entrare nell’anello fatato per danzare.

Nonostante la gente del posto alla quale aveva mostrato il cappotto lo avvisó della sfortuna che lo avrebbe colto se non lo avesse subito riconsegnato al luogo in cui lo aveva trovato,
John ffolliott lo tenne con sé.

Anni dopo, fece esaminare il cappotto da uno dei più importanti maestri della sartoria dublinese e il sarto stupefatto concluse: “Quel cappotto, signore, non è stato fatto da un mortale!”
Realizzato in un materiale grigio-brunastro come il fregio irlandese, era tagliato in uno stile che avrebbe potuto essere adatto ad un gentiluomo di campagna del tardo XVIII secolo.

La lunghezza dal colletto all’ori era di 6 1/2 pollici, con maniche lunghe 5 pollici all’esterno e 3 1/4 pollici all’interno, anche se la larghezza attraverso le spalle era assurdamente stretta, 1 3/4 pollici.

Il cappotto era completamente foderato.

Il collo alto bordato di velluto, le maniche e la vita abbellite da paia di bottoni ricoperti di stoffa che si abbinano i tre bottoni anteriori.

Sul bavero, indossato quasi come un trofeo, c’era un bottone di metallo che sosteneva l’abrogazione dell’Unione.

Tali bottoni, in taglie più grandi, erano di alta moda poco dopo il 1801.

Il cappotto aveva evidentemente indossato abiti ruvidi, il colletto di velluto era unto e lucido, il rivestimento era sfrangiato in diversi punti.

Diverse persone interessate a tali fenomeni hanno visto il cappotto e anche i più scettici hanno dovuto ammettere che le spalle erano troppo strette per adattarsi a qualsiasi tipo noto di scimmia e che lo sfregamento sull’indumento è coerente solo se indossato da un essere vivente che cammina eretto e i cui movimenti e abitudini assomigliano a quelli di un umano.

Sarebbe di immenso valore sottoporre il cappotto ad un moderno esame scientifico, ma sfortunatamente la sua ubicazione è attualmente sconosciuta.

Come afferma la signorina Ffolliott nel suo articolo del 1969 sul cappotto: “Tutta la mia vita ho visto e maneggiato il piccolo cappotto” ed essendo una collezionista di antiquariato è probabile che abbia ereditato il piccolo cappotto e lo abbia conservato come una parte preziosa della sua collezione fino alla sua morte improvvisa all’età di 73 anni mentre si prendeva cura del suo giardino nella sua casa nelle Midlands inglesi.

Non è noto se il cappottino sia stato donato a un museo, lasciato in eredità o venduto con il resto della sua tenuta.

Il ricercatore paranormale, Mark Lyon, sta attualmente investigando sperando di scoprire cosa ne è stato del cappotto.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram!

VUOI VENIRE A VISITARE L’IRLANDA CON NOI? CLICCA QUI!

Chi Siamo

Viaggio in Irlanda
Preventivo Viaggio Irlanda

Archivi

Categorie