Kathleen

Kathleen

Una giovane fanciulla di Innis-Sark aveva un innamorato, un bel giovane che, con suo grande dolore, morì in un incidente.

Una sera al tramonto, mentre era seduta accanto alla strada piangendo, le si avvicinò una bella signora vestita di bianco e le diede un buffetto sulla guancia.

“Non piangere, Kathleen,” disse “il tuo innamorato è salvo. Prendi questo anello di erbe, guardavi attraverso e lo vedrai. E’ in magnifica compagnia, indossa un cerchietto d’oro sul capo ed ha una fascia scarlatta intorno alla vita”.

Kathleen

Così Kathleen prese l’anello di erbe, vi guardò attraverso e vide il suo innamorato in mezzo ad una splendida compagnia che danzava sulla collina, lui era molto pallido ma più bello che mai, con il cerchio d’oro intorno al capo come se lo avessero fatto principe.

“Ora” disse la dama “ecco un anello di erbe più grande. Prendilo ed ogni qualvolta vorrai vedere il tuo innamorato cogline una foglia e bruciala, ne verrà un grande fumo e tu cadrai in trance nella quale il tuo innamorato ti porterà nel sito fatato, dove danzerai per tutta la notte con lui.  Nel vederlo non dire preghiere e non fare alcun segno della croce mentre si leva il fumo o il tuo innamorato scomparirà per sempre”.

Da quel momento sopraggiunse un grande cambiamento in Kathleen.

Non disse alcuna preghiera né si curò di alcun prete e non fece mai il segno della croce, ma ogni notte si chiudeva nella sua stanza, bruciava una foglia dell’anello di erbe come le era stato detto e quando il fumo si levava cadeva in un sonno profondo, non era più consapevole di nulla.

Al mattino diceva ai suoi che, nonostante paresse giacere a letto, era molto lontana con le fate e danzava sulla collina con il suo innamorato.

Era molto felice della sua nuova vita e non voleva più né preti, né preghiere, né messe e tutti coloro che conosceva che erano morti danzavano insieme agli altri, le davano il benvenuto e le facevano bere del vino in piccole coppe di cristallo, dicendole che presto sarebbe rimasta con loro e con il suo innamorato per sempre.

Ora, la madre di Kathleen era una buona donna, onesta e religiosa, e si preoccupó molto per lo strano stato della figlia, perché sapeva che la ragazza era stata colpita dalle fate.

Così decide di vedere ed una notte, quando Kathleen andò a letto come al solito da sola nella sua stanza perché non avrebbe mai permesso che ci fosse qualcuno con lei, la madre, guardando attraverso una fessura nella porta, vide Kathleen prendere l’anello di erbe da un luogo segreto nell’armadio a muro, coglierne una foglia e bruciarla, un grande fumo si alzò e la fanciulla cadde sul suo letto in una trance profonda.

Ora la madre non potè rimanere oltre in silenzio, perché aveva visto che in tutto questo vi era l’opera del diavolo, cadde in ginocchio e pregò ad alta voce: “O Madre Maria, scaccia lo spirito maligno da mia figlia!”

E irruppe nella stanza, facendo il segno della croce sulla dormiente, immediatamente Kathleen si alzò urlando: “Madre! Madre! I morti stanno venendo a prendermi. Sono qui! Sono qui!”

Le sue sembianze parvero come quelle di un morente.

La povera madre fece quindi chiamare il prete, che venne subito e gettò dell’acqua santa sulla ragazza, dicendo preghiere per lei, poi prese l’anello di erbe che giaceva accanto a lei e lo maledisse per sempre ed immediatamente esso divenne  polvere e giacque come cenere grigia sul pavimento.

Dopo questo Kathleen si calmò e lo spirito maligno sembrava averla lasciata ma ella era troppo debole per muoversi, parlare o pronunciare una preghiera, così, prima che l’orologio battesse mezzanotte, quella notte stessa morì.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram!

VUOI VENIRE A VISITARE L’IRLANDA CON NOI? CLICCA QUI!
,

Post correlati

Menu