Feste Celtiche – Prima Parte

Ago 6, 2019 | Feste Celtiche

In Irlanda ci sono 8 giorni sacri, nei quali il vecchio mondo celtico si fermava per festeggiare. 

La Ruota dell’Anno rappresenta il ciclo naturale delle stagioni, commemorato con la celebrazione di otto sabbat o sabba.

Ci sono diverse similitudini fra i sabbat e le feste cristiane, questo perché il cristianesimo doveva competere con le precedenti e molto sentite festività pagane e per farlo avevano bisogno di oscurare quelli che erano gli antichi dei pagani.

L’anno per i Celti non iniziava col 1° gennaio bensì il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo, il tempo in cui ci si chiudeva in casa per molti mesi, riparandosi dal freddo, costruendo utensili e trascorrendo le serate a raccontare storie e leggende.

Cosí come l’anno iniziava a novembre, l’Estate, per i Celti, non iniziava il 21 giugno, ma a Beltane il 1° maggio, nel solstizio d’estate Litha si celebra la festa di mezza estate.

I Celti vedevano l’anno come un cerchio suddiviso in cicli, il termine di ogni ciclo era considerato molto importante e carico di magia. 

Le 4 feste solari, legate ai cicli stagionali, erano: 

Distinguevano il ciclo solare associato alla croce a bracci ortogonali e simmetrici e il ciclo lunare associato alla Croce di Sant’Andrea, a ciascuno di essi corrispondevano specifiche festività. 

Yule, solstizio d’inverno il 21 dicembre;

Ostara, equinozio di primavera il 21 marzo; 

Litha, solstizio d’estate il 21 giugno; 

Mabon, equinozio d’autunno il 21 settembre.

Le 4 feste lunari: 

Beltaine, 1 maggio;

Imbolc, 1 febbraio; 

Lughnasadh, 1 agosto, 

Samhain, 1 novembre.

Una delle caratteristiche fondamentali delle feste celtiche é che non partono dalla canonica mezzanotte, ma dal tramonto del giorno prima.

Samhain é il primo novembre ma tutti sanno che Halloween viene festeggiato la sera del 31 ottobre proprio perché la festivitá parte dal tramonto della sera precedente (31 ottobre) per terminare al tramonto del giorno della festa (1novembre).

Le date indicate sono valide per l’emisfero boreale, dove queste feste hanno avuto origine, coloro che abitano nell’emisfero australe deono cambiare le date di conseguenza, per riflettere l’andamento stagionale del loro emisfero (in pratica traslando ogni ricorrenza di sei mesi). 

Ad esempio, in Australia Samhain andrebbe celebrato il primo maggio, quando in Europa si celebra Beltane.

Per sottolineare quanto queste festività siano legate ai cicli stagionali della natura, Fred Lamond in Fifty Years of Wicca, evidenzia non solo la differenza che ci deve essere tra l’emisfero nord e l’emisfero sud del mondo, bensì le differenze che possono esistere all’interno di uno stesso continente.

Ad esempio in Europa la festa di Beltane sarebbe più appropriato festeggiarla a fine marzo nei paesi Mediterranei, visto che già in questo periodo il freddo invernale è stato sostituito dai tepori primaverili ed è perciò possibile stare all’aperto di notte; andrebbe festeggiata ai primi di maggio nei paesi dell’Europa Continentale ed Atlantica (come già effettivamente avviene); mentre andrebbe celebrata a fine giugno in Scandinavia e nell’Europa di nord-est, dove la primavera e le temperature più miti arrivano molto tardi.

Domani faremo una carrellata delle feste celtiche.

Emma.

Seguici anche su Facebook Instagram….E iscriviti al nostro gruppo!

VUOI VENIRE A VISITARE L’IRLANDA CON NOI? COMPILA IL FORM


Chi Siamo

Viaggio in Irlanda
Preventivo Viaggio Irlanda

Archivi

Categorie